Diritto

DIRITTO TEDESCO- INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

1-%-Regelung – Berechnung bei umsatzsteuerpflichtigem Unternehmer.

Wer kein Fahrtenbuch führt, muss die private Nutzung bei der Einkommensteuer zwingend nach der 1-%-Regelung ermitteln. Und wie bucht man diese Variante? weiter >>>

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Steuern

Wenn Sie die wichtigsten Steuern kennen, sind Sie auf Ihren Unternehmensstart gut vorbereitet.

Warum es sinnvoll ist, sich bereits vor dem Start in die Selbständigkeit mit dem Thema Steuern zu beschäftigen, hat vor allem drei Gründe:

  • Wenn Sie sich für die Kleinunternehmerregelung entscheiden, führen Sie keine Umsatzsteuer an das Finanzamt ab. Je nach Unternehmen und Kundenkreis kann dies sinnvoll sein – oder auch nicht. Am besten sprechen Sie mit Ihrem Steuerberater darüber.
  • Das Thema Steuern spielt vor der Gründung auch deswegen eine Rolle, weil Sie womöglich vorab schon eine Büroeinrichtung, Waren oder Betriebsmittel kaufen. Dafür können Sie als Unternehmer Vorsteuer geltend machen. Sie ist auf allen Rechnungen, die Sie bezahlen, als Umsatzsteuer ausgewiesen. Heben Sie diese Belege daher gut auf.
  • Und nicht zuletzt müssen Sie auch bei der Wahl der Rechtsform steuerliche Fragen klären.

Bei der Berechnung Ihres Einkommensteuersatzes geht das Finanzamt im ersten Jahr Ihrer Selbständigkeit von den Angaben aus, die Sie im Rahmen der steuerlichen Erfassung über Ihren erwarteten Gewinn gemacht haben. Das Finanzamt legt jährlich eine bestimmte Summe fest, die Sie als Vorauszahlung vierteljährlich überweisen müssen.

Pflichten gegenüber dem Finanzamt

Als Unternehmerin oder Unternehmer werden Sie immer wieder Kontakt mit dem Finanzamt haben. Nach der Bearbeitung Ihres „Fragebogens zur steuerlichen Erfassung“ teilt Ihnen das Finanzamt zunächst Ihre Steuernummer mit. Das Finanzamt sagt Ihnen auch, in welchem Turnus Sie Ihre Umsatzsteuervoranmeldung abgeben müssen und wie hoch Ihre Steuervorauszahlungen sind.

Vorauszahlen müssen Sie als Gewerbetreibender (aber nicht als Freiberufler) auch die Gewerbesteuer. Und wenn Sie eine Kapitalgesellschaft gründen, wie zum Beispiel eine GmbH oder UG, müssen Sie außerdem Körperschaftsteuer abführen.

Weitere Informationen zu Steuerfristen und Vorauszahlungen finden Sie in der Über­sicht: Steu­ern – Wer zahlt wann? (PDF, 30 KB)

Beratung

Vermeiden Sie typische Steuerfehler Über­sicht: Steu­er­feh­ler (PDF, 44 KB) und informieren Sie sich vor der Eröffnung Ihres Unternehmens bei einem Steuerberater. Er hilft Ihnen, Fehler zu vermeiden und erleichtert Ihnen die Arbeit.

Übrigens: Auch das Finanzamt hilft bei der Klärung steuerlicher Fragen. Es kann allerdings keine tiefgehende individuelle Beratung vergleichbar zu einem Steuerberater leisten. Für die Erteilung einer verbindlichen Auskunft muss außerdem eine Bearbeitungsgebühr entrichtet werden.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Posizione: Il parco si trova nell’area del Nordreno-Vestfalia, dove con la sua natura incontaminata e i rilievi del Mittelgebirge, pieni di rilevanza storica e culturale, potrete passare giornate all’insegna dell’ambiente. 

Da vedere: Il monumento di Arminio e il particolare complesso megalitico delle Externsteine, le numerose fortezze antiche, i monasteri e i centri storici a graticcio.  Foresta Teutoburgo

Natura: Le sconfinate foreste del parco naturale sono composte principalmente da specie di faggio e abete rosso. Inoltre, la brughiera è ricca di paludi, prati secchi e lunghe distese d’erba. L’area protetta da anche la possibilità a diversi animali di poter vivere in tranquillità, come ad esempio la cicogna nera, il gufo reale, il falco pellegrino e il gatto selvatico. Anche  animali di grossa taglia come il bisonte europeo hanno trovato posto nell’ecosistema del centro di Hardehausen.

Escursioni: è possibile percorrere il sentiero Hermannshöhen, questo attraversa l’intero parco in lunghezza toccando le riserve della Foresta di Teutoburgo e Eggegebirge. Altri sentieri attraversano i numerosi rilievi collinari e montani della regione, sui quali potrete fermarvi ad osservare il magnifico panorama locale. Per gli appassionati di storia della Terra è possibile percorrere gli itinerari Klima-ErlebnisWeg, dove scoprirete le tracce lasciate dagli agenti atmosferici nel corso dei millenni, il tutto grazie ad una guida interattiva via GPS.

Relax: conosciuta anche come il Giardino terapeutico della Germania, in questa zona è possibile trovare numerosi impianti termali come quelle di Bad Salzuflen

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Castello di Hohenzollern

Il Castello di Hohenzollern, fortezza non lontana dalla città di Stoccarda nella regione del Baden-Württemberg >>> continua

 

La strada romantica

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Francoforte

Monaco

Stoccarda

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


BETRIEBLICH – AZIENDALE

Steuerliche Vorteile als Selbstständiger nutzen weiter >>>
Eigenverbrauch Tabellen weiter >>>
GWG – Aktuelle Grenzen und Praxistipps weiter >>>

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Das Unternehmen anmelden

Zunächst müssen Sie wissen, ob Sie eine freiberufliche oder gewerbliche Tätigkeit ausüben werden. Im Zweifelsfall entscheidet Ihr zuständiges Finanzamt darüber. Zu den Freien Berufen zählen zum Beispiel Ärzte, Architekten, Journalisten, Rechtsanwälte, Künstler. Zum Gewerbe gehören der Einzelhandel, das Handwerk, das produzierende Gewerbe und einige Dienstleistungen.

Als zukünftiger Freiberufler brauchen Sie nur eine Steuernummer beim Finanzamt zu beantragen und den Fragebogen zur steuerlichen Erfassung auszufüllen.

Als Gewerbetreibender müssen Sie Ihr Vorhaben beim Gewerbeamt anmelden. Das Gewerbeamt informiert dann alle weiteren Behörden und Institutionen, wie bspw.

Viele Gewerbetreibende zählen zu den Kaufleuten. Sie müssen Ihr Unternehmen durch einen Notar im Handelsregister eintragen lassen.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


PARCHI DIVERTIMENTO

Parchi divertimento in Germania: links >>>

ITINERARI

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Faq Personale

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Bevor Sie mit Ihrem Unternehmen bzw. Ihrer beruflichen Selbständigkeit starten, müssen Sie einige Formalitäten erledigen:

Das Unternehmen anmelden

Zunächst müssen Sie wissen, ob Sie eine freiberufliche oder gewerbliche Tätigkeit ausüben werden. Im Zweifelsfall entscheidet Ihr zuständiges Finanzamt darüber. Zu den Freien Berufen zählen zum Beispiel Ärzte, Architekten, Journalisten, Rechtsanwälte, Künstler. Zum Gewerbe gehören der Einzelhandel, das Handwerk, das produzierende Gewerbe und einige Dienstleistungen.

Als zukünftiger Freiberufler brauchen Sie nur eine Steuernummer beim Finanzamt zu beantragen und den Fragebogen zur steuerlichen Erfassung auszufüllen.

Als Gewerbetreibender müssen Sie Ihr Vorhaben beim Gewerbeamt anmelden. Das Gewerbeamt informiert dann alle weiteren Behörden und Institutionen, wie bspw.

Viele Gewerbetreibende zählen zu den Kaufleuten. Sie müssen Ihr Unternehmen durch einen Notar im Handelsregister eintragen lassen.

Genehmigungen und Erlaubnisse einholen

Für eine ganze Reihe von selbständigen Tätigkeiten brauchen Sie eine amtliche Erlaubnis und/oder eine Genehmigung. Im Einzelhandel sind bspw. für bestimmte Bereiche Sachkundenachweise erforderlich. Die Beförderung von Personen ist genehmigungspflichtig. Und Produktionsbetriebe müssen beispielsweise Genehmigungen für ihre Anlagen einholen. Für Gründungen in der Gastronomie muss beispielsweise eine Belehrung des Gesundheitsamtes stattgefunden haben. Erkundigen Sie sich frühzeitig bei Ihrer Industrie- und Handelskammer oder Handwerkskammer, ob und welche Genehmigungen und Erlaubnisse Sie für Ihr Vorhaben benötigen.

Mitarbeiter anmelden

Wenn Sie Mitarbeiter beschäftigen werden, benötigen Sie eine Betriebsnummer von der Agentur für Arbeit. Außerdem müssen Sie Ihre Mitarbeiterinnen und Mitarbeiter bei der gesetzlichen Renten-, Kranken-, Pflege- und Arbeitslosenversicherung anmelden. Lesen sie mehr dazu, wo und wie Sie Ihre Mitarbeiter anmelden.

Persönliche Absicherung nicht vergessen

Informieren Sie bereits vor der Gründung Ihre Krankenkasse. Wer im Bereich Kunst und Medien „unterwegs“ ist, sollte sich mit der Künstlersozialkasse in Verbindung setzen. Prüfen Sie auch, ob Sie zu den rentenversicherungspflichtigen Selbständigen gehören. Kurz: Informieren Sie sich bereits während der Gründungsvorbereitungen um Ihre Versicherungen und Vorsorge.

Gesetze und Verordnungen beachten

Es gibt eine ganze Reihe von Gesetzen und Verordnungen, die für Ihre unternehmerische Praxis wichtig sein können. Erkundigen Sie sich bereits während Ihrer Gründungsvorbereitung darüber, welche Gesetze und Verordnungen für Ihr Vorhaben relevant sind.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
1 person found this helpful. Permalink


 

Uffici di assistenza sociale a Francoforte sul Meno >>> continua

Caritas Francoforte  – Progetto „Wegbegleiter“ per anziani >>> continua

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Guida a cura dell’Istituto del Commercio Estero (ICE) : INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


L’indennità di disoccupazione viene corriposta se si è disoccupati ed si ha lavorato per almeno 12 mesi negli ultimi 3 anni . Per ricevere i sussidi di disoccupazione, è necessaria la registrazione all’ufficio locale di collocamento (Arbeitsamt). Questa va effettuata appena si diventa disoccupati poiché si viene pagati pagato dalla data di registrazione e i ritardi possono portare a pagare multe.

Per i single l’indennità si aggira sul 60% del precedente stipendio netto mentre Se si hanno bambini, questa percentuale sale al 67% circa. La durata di tempo in cui si percepisce l’indennità dipende dalla lunghezza del lavoro precedente e dall’età. Fino a 45 anni, il sussidio di disoccupazione è di un anno.

Mentre si riceve l’indennità, si devi andare regolarmente all Agenzia del alvoro e anche provare anche di stare cercando attivamente lavoro.

In questo senso una mano si riceve dal Bundesanstalt für Arbeit (Ufficio Federale Tedesco per il Lavoro), che ha studiato piani di promozione di lavoro per imprese ed impiegati e cerca di trovare lavoro al maggior numero possibile di disoccupati.

FONTI. http://www.agenturfuerarbeit.de – http://www.justlanded.com

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Il DAAD (Deutscher Akademischer Austauschdienst,Servizio Tedesco per lo Scambio Accademico)

Il DAAD rappresenta le università tedesche all’estero. Con oltre 57.000 borsisti ogni anno, a livello mondiale è l’ente più importante per la promozione della mobilità in ambito accademico. Le borse di studio per l’Italia si rivolgono a studenti, dottorandi, ricercatori e professori che intendono trascorrere una parte dei loro studi o delle loro ricerche in Germania. Il DAAD è, inoltre, attivo in molti campi della politica culturale e della formazione all’estero. A tal proposito, in Italia è rappresentato da 13 lettori presenti presso i vari atenei >>> vai la sito

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Pronti a partire?
Tutto ciò che dovete sapere sulle condizioni di vita e di lavoro all’estero… e non solo

Questo opuscolo è destinato a chi sta pensando di trasferirsi a vivere e a lavorare all’estero o ai pendolari che si recano a lavorare all’estero ogni giorno, in qualità di lavoratori transfrontalieri. La pubblicazione contiene utili suggerimenti per cercare un lavoro e proporsi per un posto vacante in ciascuno Stato membro dell’Unione europea, oltre che in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Tutti questi paesi hanno sottoscritto un accordo per consentire ai rispettivi cittadini di viaggiare e lavorare sul territorio di un altro paese firmatario
INGRANDISCI  >>> APRI          SCARICA L’INTERA PUBBLICAZIONE >>> VAI AL SITO

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Trovare alloggio ad un prezzo ragionevole può risultarti difficile in Germania e varia da zona a zona. In questa sezione ti informiamo sul mercato immobiliare tedesco, e ti diamo alcuni consigli per la tua ricerca. La maggior parte dei tedeschi vivono in appartamenti o case. A causa delle distruzioni avvenute durante la seconda guerra mondiale, la maggior parte delle case sono state costruite attorno agli anni ‘50. I vecchi immobili (Altbau) sono stati costruiti prima del 1914. Cose da tenere a mente durante la tua ricerca i prezzi sono determinati dalla grandezza della casa solitamente misurata in metri quadrati (Quadratmeter – qm).

Per gli ultimi piani, quando il soffitto si trova ad uno o due metri dal suolo, si calcola solo il 50% perciò non sorprenderti se l’alloggio sembra più grande. Un altro fattore importante è il numero di stanze che include: camera da letto, soggiorno, sala da pranzo. Cucina bagni e servizi igienici non sono inclusi nel conteggio.

Una stanza e mezzo indica un’area che non può essere separata da una porta o troppo piccola per essere contata. Gli alloggi in Germania possono essere sia ammobiliati che non, o solo in parte. Quelli non ammobiliati sono i più frequenti, ma sono veramente senza nessuna apparecchiatura, lampadari, tende ecc.

Trasferirti nel nuovo alloggio potrebbe essere uno shock: non solo dovrai pagare le bollette della luce, ma dovrai inoltre installare tutto, dalla lavatrice al rubinetto della cucina. Siccome tutto ciò non sarà per niente a buon mercato, cerca di addizionare qualcosa al tuo budget. Una cucina ammobiliata viene di solito pubblicizzata a parte nell’annuncio. Oltre che cercare il proprio appartamento con contratto, ci sono anche altre alternative che potrebbero risultarti interessanti.

Appartamenti condivisi: Per coloro che arrivano in Germania da soli, WG’s o Wohngemeinschaften sono spesso una buona occasione per vivere a basso costo e incontrare nuova gente. WG sono i più comuni tra gli studenti e giovani professionisti, ma puoi anche trovare appartamenti condivisi tra persone di 50-60 anni. Vivere in WG vorrebbe dire condividere cucina e bagno. Devi inoltre sapere che WG-Zimmer sono molte volte non ammobiliati.

Alloggi temporanei: Se hai intenzione di soffermarti in Germania solo per un breve periodo di tempo dovresti considerare questo tipo di alloggio. Potrebbe inoltre essere una soluzione temporanea per aiutarti ad avere più tempo per organizzarti a trovare un alloggio permanente. È abbastanza comune in Germania trovare proprietari che mettono a disposizione appartamenti per un breve periodo di tempo siccome molti studenti viaggiano molto. Puoi trovare questo tipo di annunci sotto i termini: Untermiete o Zwischenmiete. Questo significa che il contratto dell’appartamento o camera è firmato dall’inquilino e non dal proprietario.

Mitwohnzentralen – un modo veloce per trovare alloggio. Un modo efficiente per trovare un alloggio temporaneo è contattare la Mitwohnenzentrale se ne trovi una nella tua città. Questo tipo di agenzia si occupa di trovare camere e appartamenti ammobiliati in Wohngemeinschaften per periodi di tempo che vanno da un mese fino ad un anno. Questo è un servizio a pagamento (circa 15% dell’affitto mensile incluse le spese specificate nell’annuncio). Il Mitwohnzentralen può essere rintracciato attraverso il Ring Europäischer Mitwohnzentralen e.V. – REM utilizzando un numero nazionale 19430 preceduto dal prefisso locale (per esempio 030 19430 da Berlino o 0228 19430 da Bonn) oppure visitando il sito.

Chiedi un formulario per una richiesta di alloggio (Vermittlungsauftrag) che ti sarà poi spedita. È importante seguire tutte le richieste delle agenzie con regolari intervalli di tempo. Non pagare nessuna spesa in anticipo, le agenzie possono solo chiederti di pagare una volta che hai firmato.

Link utili

www.mitwohnzentrale.de

www.immonet.de/

www.studenten-wg.de/

www.wg-gesucht.de/

http://www.wimdu.de/

www.wohnung-jetzt.de

www.wohngemeinschaft.de/

www.zwischenmiete.de
 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Manuale a cura del Ministero Federale della formazione e della ricerca : INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Elenco della scuole bilingue italo tedesche in Germania (anno scolastico 2012-2013) a cura dell’Ambasciata Italiana In Germania : INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


I termini di preavviso

Sulla base delle convenzionicollettivevigenti (Art. 622 BGB), qualorauna delle due partidesiderirecederedalcontratto, é opportunorispettare i seguentitermini di preavviso:

  • 1 mese in caso di anzianità inferiore a 2 anni
  • 2 mesi in caso di anzianità inferiore a 5 anni
  • 3 mesi in caso di anzianità inferiore a 8 anni
  • 4 mesi in caso di anzianità inferiore a 10 anni
  • 5 mesi in caso di anzianità inferiore a 12 anni
  • 6 mesi in caso di anzianità inferiore a 15 anni
  • 7 mesi in caso di anzianità inferiore a 20 anni

La remunerazione

Lo stipendiovero e proprio é stabilitoall’interno del contratto di lavoro individuale ma non puòessere inferiore al salariominimoprevistodallaconvenzionecollettivapertinente. Contrariamente al dirittoitaliano del lavoro, in Germania ilsalariominimo non é stabilito in modoufficiale.

La forma di remunerazionepuòessereliberamentesceltadalle due parti. Generalmente le parti si accordanosuunaremunerazionemensilelorda.

Ciononostantepuòancheesserelecitoconcordareunaremunerazionefissacombinataconunacommissione. Ciò é in genereconsigliato per deicommercianti.

Non é ad ognimodoconsentitoconcordareunaremunerazioneconsistenteunicamente in unacommissione e ciòanche per i commercianti. In effettiunataleremunerazionesarebbe in perfettacontraddizioneconilprincipio del lavoratorestipendiato. In questomodoilcontrattodovrànecessariamenteprevedereunaqualsiasicompensofisso di base.

Le ferieretribuite

La durata legale minima delle ferie, prevista da uncontratto di lavorotedesco, é di 24 giorni ad anno civile, senza contareovviamente le domenicheed i giornifestivi.

Ad ognimodopossonoessereaggiuntideigiornisupplementari di ferieretribuitegrazie ad unaparticolareconvenzionecollettiva. Infatti queste ultimeaccordano ai lavoratorigeneralmente da 4 a 6 settimane di ferieretribuite ad anno civile.

I tempi di lavoro

Tutte le questioni riguardanti i tempi di lavoro sono regolate dalla legge sulla durata del lavoro (Arbeitszeitgesetz) e dalla legge sulla protezione della maternità (Mutterschutzgesetz). Queste forme di tutelavengonoapplicate a tutti i lavoratoridipendenti (impiegatid’ufficio, operai, lavoratori in formazione professionale, etc…).

La durata legale deitempi di lavoro é di 8 ore al giorno ad eccezione della domenica e deigiornifestivi, consideratigiorni di riposo. La durata legale é quindi di 40 ore a settimanamaspesso le convenzionicollettiveriducono la durata ad unaquantitàtra le 38,5 e le 35 ore a settimana.

Ad eccezione delle donne in attesa e degliapprendisti, la giornatalavorativapuòanchearrivare a 10 ore al giorno a condizioneche la duratamediagiornaliera in unperiodo di 6 mesi, non siasuperiore alle otto 8 al giorno.

Il periodo di prova

In baseall’applicazione di unaconvenzionecollettiva, le partipossonoancheconcordareunperiodo di provache non siasuperiore ai sei mesi.

Durante questoperiodoillavoratorepuòesserelicenziatoconunpreavviso di sole due settimane (§ 622, paragrafo 3 BGB). Nella maggiorpartedeicontratti di lavorotedeschivienestabilitounperiodo di provachevadai 3 ai 6 mesi.

Il contenuto imposto dei contratti: convenzioni e accordi collettivi

Durante la redazione di uncontratto di lavorotedesco non vengonoprese in considerazionemolteconvenzionicollettive. Per principiounaconvenzionecollettiva non é applicabile ad uncontratto di lavoro in cuisiaillavoratorecheildatore di lavorofaccianoparte di unsindacatocherisultitra i sottoscriventi di taleconvenzione. Ciononostantel’assunzione di unlavoratore é sufficiente per l’applicazione delle norme legalilegate a delle questioni di ordinepratico o alla costituzione del luogo di lavoro.

Alcuneconvenzionicollettivetedeschesonostateestese (allgemeinverbindliche Tarifverträge) e si impongono a tuttounsettore, indipendentementedall’appartenenza ad unqualsiasiordine professionale.

Contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato

A differenzadell’Italia, la maggiorpartedeicontratti di lavoro in Germania sonostipulati da subito a tempo indeterminato (§ 620 BGB).

É tuttaviapossibile per le partistabilireuncontratto a tempo determinato. Tutti i contratti a tempo determinatodevonorispettare la cosiddettaTeilzeitgesetz, vale a dire la legge sui rapporti di lavoro a tempo determinato.

La durata di uncontratto a tempo determinatodeveesserefissatasullabase di condizionioggettive, in modotaleche la data di conclusione del rapportocontrattualecorrisponda ad esempiocon la finedellosvolgimento di uncompitoparticolare o di undeterminatoevento.

In genere non si puòricorrere ad uncontratto a tempo determinatoneiseguenticasi:

  • bisognitemporaneilegati ad uncertotipo di lavoro
  • limitazionedestinata a facilitarel’accesso del lavoratore al mondo professionale
  • sostituzione di un dipendente malato

Ciononostanteuncontratto a tempo determinatopuòessereofferto in Germania neiseguenticasi:

  • conclusione del contratto per unaduratamassima di due anni
  • ilcontrattovienefirmatoconunlavoratore di almeno 58 anni

Il contenuto del contratto di lavoro

Il contratto di lavorotedescopuòancheessereconclusooralmente. In base alla cosiddettaNachweisgesezt (la legge sul contenutominimodeicontratti di lavoro) illavoratorepuòanchepretenderedalpropriodatore di lavorouncontrattoscrittocontenenteglielementiessenzialiconcordatioralmente.

Il contenutominimo del contratto é ilseguente:

  • nomeedindirizzo delle parti
  • validità del contratto
  • in caso di contratto a tempo determinato, la durataprevista
  • illuogo di lavoro o per chiviaggiailfattochelostipendiatolavorerà in diversiluoghi
  • breve descrizione della mansione
  • i giorni di ferieretribuite
  • i termini di preavviso per la recessionedalcontratto
  • unriferimentogenerale alla convenzionecollettivaapplicabile

Solitamente in Germania nellastragrandemaggioranzadeicasiilcontratto di lavoro é scritto e contiene i puntiprincipaliappenaelencati. In aggiunta a ciò le due partipotrannoprevedereedinserire delle clausolespecifiche in base ai propribisogni (patto di non concorrenza, accordo di confidenzialità, etc…).

Il diritto applicabile al contratto

Quando un’azienda tedesca assume un dipendente tedesco o italiano per una mansione da esercitare in Germania, non ci sono dubbi su quale legge applicare: é la legge tedesca che regolerà la relazione contrattuale.

Al contrario, se un’azienda con sede in Italia intende assumere un dipendente tedesco (soprattutto nel caso di impiegati commerciali), é lecito stabilire secondo quale diritto il contratto sarà redatto. In questo caso possono essere applicate entrambe le legislazioni: sia quella tedesca che quella italiana.

La questione del diritto applicabile al contratto di lavoro é regolata dal Diritto Internazionale Privato, codificato all’interno della Convenzione di Roma, riportata in Germania all’interno dell’EGBGB, in base alla quale il diritto applicabile al contratto é quello del luogo di esecuzione del contratto.

Tuttavia é possibile scegliere la legge applicabile al contratto “internazionale” tra un’azienda italiana ed un dipendente tedesco. Qualora l’azienda italiana lo desiderasse, potrebbe sottoporre il contratto al diritto italiano.

Ciononostante, una tale scelta appare priva di contenuto in quanto la scelta della legge operante avviene quando non vi sono interferenze da parte dell’ordine pubblico della legislazione del paese nel quale l’attività lavorativa verrà esercitata. Va sottolineato che il diritto tedesco contiene numerose disposizioni di ordine pubblico che non permettono l’applicazione del diritto italiano.

É quindi consigliato ad un’azienda italiana che voglia servirsi di una figura professionale in Germania di redigere il contratto di lavoro sulla base del diritto tedesco. Questa scelta sarebbe senza dubbio positiva considerando in primo luogo che il diritto sociale tedesco risulta più vantaggioso rispetto a quello italiano ed inoltre in questo modo si riuscirebbe a facilitare ed eventualmente snellire tutta la procedura.

Fonti: (germanitalia-job.com)

 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Introduzione Il presente indicativo (Präsens) corrisponde nell’uso al presente italiano. La formazione del presente indicativo dei verbi regolari (verbi deboli) si forma aggiungendo alla radice del verbo:nella 1-2-3 persona singolare le desinenze -e,-st,-tnella 1-2-3 persona plurale le desinenze -en,-t,-enEsempio verbo gehen-andare: (geh-e, geh-st, geh-t, geh-en, geh-t, geh-en)
Esercizio n. 1 ESERCIZIO: COMPLETA CON IL VERBO CONIUGATO AL PRESENTELegenda delle abbreviazioni: p.s. (persona singolare) – p.p. (persona plurale)a) Er ……..Wein
b) Wir…….. Limonade
c) Was……..ihr?
d) Kinder…….gerne Schokolade
e) ……. du Bier?
f) Nein, ich……gerne Cola

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Introduzione  In tedesco il soggetto, a differenza dell’italiano, non può mai essere sottinteso e il genitivo del pronome personale si usa raramente. Il pronome du (al plurale ihr) si usa con bambini, parenti e buoi amici mentre il pronome Sie (chiamata forma di cortesia) si usa son persone adulte con cui non si ha un rapporto di confidenza.DECLINAZIONE DEI PRONMI PERSONALI:Nom.( nominativo) – Acc. (Accusativo) – Dat.( Dativo) – Gen. (genitivo)Io= Nom: ich – Acc: mich – Dat: mir – Gen: meiner / mein
tu= Nom: du – Acc: dich – Dat: dir – Gen: deiner / dein
egli= Nom: er- Acc: ihn – Dat: ihm – Gen: seiner / sein
esso= Nom.: es – Acc: es – Dat: ihm – Gen: seiner / sein
ella= Nom: sie – Acc: sie – Dat: ihr – Gen: ihrer
noi= Nom: wir – Acc: uns – Dat: uns – Gen: unserer
voi= Nom: ihr – Acc: euch – Dat: euch – Gen: euer
essi= Nom: sie – Acc: sie – Dat: ihnen – Gen: ihrer
Lei/Voi = Nom: Sie – Acc: Sie – Dat: Ihnen – Gen: Ihrer
Esercizio n. 5   COMPLETARE CON I PRONOMI PERSONALI ADEGUATI:a) Wie geht es Ihrem Mann? _____geht es gut.
b) Kannst du morgen mich besuchen? Nein, kann ___ ____ morgen nicht besuchen.
c) Wo studiert dein Sohn? _____ studiert in München.
d) Geht es euch gut? Ja_____geht es jetzt besser.
e)Wohin hast du die Äpfel gelegt? _____sind im Kühlschrank
f) Habe ich dir meine Telefonnummer gegeben? Ja, ____ hast ____ mir gestern gegeben.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Introduzione Rispetto all’italiano l’aggettivo possessivo in tedesco si differenzia per le seguenti caratteristiche: non è mai preceduto dall’articolo e precede sempre il sostantivo a cui si riferisce.
GLI AGGETTIVI POSSESSIVI SONO:
ich (mein) – du (dein) – er,es, man (sein) – sie (ihr) – wir (unser) – Ihr (euer) – sie (ihr) – Sie (Ihr)

DECLINAZIONE DELL‘ AGGETTIVO POSSESSIVO (mein)
(m) Maschile (f) Femminile (n)Neutro (pl.) plurale

Nominativo: (m) mein (f) meine (n) mein (pl.) meine
Genitivo: (m) meines (f) meiner (n)meines (pl.) meiner
Dativo: (m) meinem (f) meiner (n) meinem (pl.) meinen
Accusativo: (m) meinen (f) meine (n) mein (pl.) meine

Esercizio n. 4 COMPLETARE CON GLI AGGETTIVI POSSESSIVI

a) Wir machen einen Spaziergang mit _______Freunden.
b) Klaus geht heute mit _______Schwester ins Schwimmbad.
c) Hast du _________Bekannten schon angerufen?
d) Maria geht mit ________Freund ins Konzert.
e) Sie kommen gerade aus ______Haus.
f) Seid Ihr mit ________Zeugnissen Zufrieden?

 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Introduzione L’articolo determinativo indica qualcosa di già definito, di già noto o espresso. Precede il sostantivo e ne indica il genere, il numero (plurale o singolare) o il caso (maschile, femminile o neutro)

DECLINAZIONE DELL‘ ARTICOLO DETERMINATIVO

(m) Maschile (f) Femminile (n) Neutro (pl.) plurale

Nominativo: (m) der (f) die (n) das (pl.) die
Genitivo: (m) des (f) der (n)des (pl.) der
Dativo: (m) dem (f) der (n) dem (pl.) den
Accusativo: (m) den (f) die (n) das (pl.) die

Esercizio n.2 COMPLETARE CON L‘ ARTICOLO DETERMINATIVO

a) Was hat ___ Mutter ____Kindern gesagt
b) ____ Wohnung ____ Bekannten liegt in ______Friedrichstrasse
c) ____ Studenten finden _____Vorlesung _____ Professors interessant.
d) ____ Mannschaft hat Volleyball gespielt.
e) ____ Jung ist ____ Freund ____ Beates.
f) ____ Autofahrer ist bei ____ Rot durchgefahren.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Introduzione L’articolo indeterminativo indica una cosa o una persona non ancora nominata. Al plurale si usa il sostantivo senza articolo.DECLINAZIONE DELL‘ ARTICOLO INDETERMINATIVO

(m) Maschile (f) Femminile (n)Neutro (pl.) plurale
Nominativo: (m) ein (f) eine (n) ein
Genitivo: (m) eines (f) einer (n)eines
Dativo: (m) einem (f) einer (n) einem
Accusativo: (m) einen (f) eine (n) ein

Esercizio n. 3 a) Der Bäcker verkauft ____ Brot und _____ Kuchen
b) Frau Fischer hat ____Sohn
c) Der Arzt hat ____ Medikament verschrieben.
d) Darf ich ____Zigarre rauchen?
e) Möchtest du ____ Stück Kuchen?
f) Der Polizist hat mir ________ Strafmandat verpasst.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Ci sono molti luoghi dove cercare lavoro in Germania e molti che possono essere contattati prima del tuo arrivo. Per aiutarti ad iniziare la tua ricerca, abbiamo fatto una lista delle risorse più efficaci:

Giornali e riviste : le offerte di lavoro sono classificate in sezioni nei giornali (quotidiani, il mercoledì o al fine settimana), nei quotidiani, mensili (riviste cittadine) e riviste specializzate. Trova diversi giornali in questo sito: www.zeitung.de .

Internet : siti web (Jobsbörsen) ti danno la possibilità di cercare con dei criteri come il settore, salario o regione. Puoi inoltre mandare il tuo curriculum così che le compagnie possano trovarti.

Uffici di collocamento (Arbeitsamt): ci sono più di 800 Arbeitsämter in tutta la Germania e le nazioni dell’ UE/EEA hanno la possibilità di utilizzare i loro servizi; consulta il sito per ulteriori informazioni – www.arbeitsagentur. de

Per gli stranieri che cercano lavoro c’è un dipartimento internazionale presso l’Arbeitsamt chiamato ZAV (Zentralstelle für Auslandsvermittlung). L’indirizzo dell’Arbeitsamt più vicino lo puoi trovare nelle pagine gialle (Gelbe Seiten) o sulla guida telefonica.

EURES : i network EURES sono un partner dell’EEZ che supporta la libera circolazione di lavoratori. Facilita la circolazione di offerte e ti da l’opportunità di accesso online per riorganizzare le informazioni delle condizioni di vita e lavoro in tutti gli stati EEA. Il personale EURES si specializza nelle pratiche che circondano gli impieghi negli stati membri. Assistono coloro che vogliono andare a lavorare all’estero e aiutano a trovare impiegati ad altri paesi EEA. Possono essere contattati dall’Arbeitsamt. Per ulteriori informazioni consulta www.europa.eu.int/eures .

Agenzie di collocamento : le agenzie private sono segnate nella guida telefonica e pagine gialle sotto Arbeitsvermittlung.

Camera del Commercio : contattala dal tuo paese d’origine. Molte volte hanno offerte di lavoro. Possono essere delle compagnie del tuo paese d’origine che esercitano in Germania. Vedi la borsa lavoro della Camera di Commercio italiana in Germania: www.itkam.org/IT/borsa_lavoro.aspx

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
1 person found this helpful. Permalink


Quando un appartamento è in affitto si firma un Mietvertrag (contratto di affitto). Questo contratto contiene i dettagli dell’appartamento e i diritti e doveri del proprietario e dell’inquilino.

Un Mietvertrag normale dovrebbe contenere:

· Lunghezza dell’accordo

· Il costo dell’affitto

· Il costo delle spese aggiuntive (riscaldamento, acqua, gas, rifiuti ecc.)

· Termine di scadenza (almeno 3 mesi)

· Il deposito (più gli interessi)

· Un accordo per rimettere a nuovo l’appartamento (quando entri o quando lasci)

· Le condizioni di aumento dell’affitto

· Nel caso di un appartamento ammobiliato, un inventario di tutti i mobili, le apparecchiature e gli oggetti cosi che alla fine non devi pagare per quest’ultimi

· Le condizioni generali legate alla casa (le riparazioni a carico del proprietario o al tuo)

Una volta firmato il contratto entrambe le parti sono legate ai termini sottoscritti. Per questa ragione è consigliato leggere con attenzione e aver capito bene tutti i termini prima di firmare, anche se si tratta di un lungo e difficile certificato. Bisogna tener conto che i proprietari in Germania si aspettano che tu capisca e segua tutte le clausole del contratto alla lettera (e così per tutti gli accordi scritti in Germania). Tuttavia esistono leggi che proteggono l’inquilino, fissando limiti a determinate clausole.
Mieterschutz-Vereine – consiglio e aiuto giuridico

Se non capisci certe condizioni, o se pensi che siano state aggiunte delle clausole abusive, chiedi aiuto a un collega/amico/professore tedesco. È inoltre utile diventar membro del vostro Mieterschutz-Vereine (Associazione degli inquilini) locale che ti aiuterà immediatamente e ti darà tutti gli aiuti professionali di cui hai bisogno. Se ci dovesse essere un problema tra te e il tuo proprietario il Mieterschutz-Vereine rappresenterà i tuoi interessi. Qualche settimana dopo esser

diventati membro, sarete coperti da un’assicurazione che prenderà carico a tutte le spese giuridiche per qualsiasi problema legato all’affitto.

Puoi trovare il Mieterschutz-Vereine nella maggior parte delle città e grandi agglomerazioni. Oltre che un servizio personalizzato, ti propongono anche dei libretti sui contratti di affitto. Puoi trovare tutte le coordinate nelle pagine gialle sotto il nome di Meiterverein o contattando il Deutscher Mieterbund – DMB (Associazione Nazionale degli inquilini):

Deutscher Mieterbund Tel: 0221/94077-0 Email: info@mieterbund.de Internet: www.mieterbund.de

Cauzione (Kaution)

Quasi tutti i proprietari ti domanderanno una cauzione che ti sarà restituita con gli interessi quando andrai via. Ciò nonostante, il proprietario potrebbe ridurti i costi se ci dovessero essere delle riparazioni da fare.

La cauzione può arrivare massimo a 3 mesi di affitto di base (Kaltmiete) ai quali bisogna aggiungere l’IVA. Tuttavia, la maggior parte dei proprietari chiedono l’equivalente a 2 mesi di affitto. Il proprietario deve assicurarsi di poterti ridare tutti gli interessi acquisiti nel corso del periodo di affitto. Detto ciò si consiglia di aprire un conto comune in banca, così impedirai al proprietario di tenersi i tuoi soldi senza il tuo permesso e di guadagnare gli interessi. Contatta la tua banca per ulteriori informazioni.

L’affitto e i costi

L’affitto (Miete), è ciò che paghi al proprietario tutti i mesi. Si tratta dell’affitto di base (Kaltmiete) e i costi aggiuntivi. L’affitto è anche chiamato Warmmiete (“affitto caldo”).

Tutti gli altri costi legati all’affitto sono descritti uno a uno nel contratto. Per quanto riguarda i costi legati al tuo utilizzo personale come il riscaldamento, acqua ed elettricità, paghi normalmente una somma predefinita tutti i mesi. Una volta l’anno si rilevano i contatori ed a condizione dell’uso durante l’anno ci sarà o un rimborso o un costo aggiuntivo.

Certi costi sono basati sulla grandezza dell’appartamento e in certi appartamenti, soprattutto quelli più vecchi, i costi sono ripartiti sull’insieme dell’affitto. Per esempio quando non c’è un contatore individuale per il riscaldamento, il totale dei costi viene diviso tra gli inquilini a seconda della taglia dell’appartamento.

La maggior parte dei proprietari esige che l’affitto sia pagato automaticamente dalla banca, e ciò viene specificato nel contratto. È necessario avere un’assicurazione che ti copra i danni importanti del tuo appartamento, ma anche per quello dei vicini. Le polizze di assicurazione coprono inoltre i tuoi effetti personali (Hausratversicherung) e la tua responsabilità civile.

Le regole di co-proprietà

L’affitto comprende inoltre delle regole di proprietà divisa. Per le grandi co-proprietà, queste regole vengono fornite separatamente (Hausordnung). Di solito queste regole stipulano che è vietato fare rumore tra le 22:00 e le 07:00 e tra le 13:00 e le 15:00. In certi casi indica anche chi è responsabile delle pulizie delle aree comuni e in quali date.

Queste regole sono parte integrante del tuo contratto e in caso non le rispettassi, il proprietario avrà il diritto di espellerti. Non sorprenderti se una delle tue feste dovesse trasformarsi in un inferno a causa di un tuo nuovo vicino. In effetti, dipende dalla tolleranza dei tuoi vicini che può variare da un estremo all’altro. Un francese ci ha raccontato che una volta ha ricevuto una lettera da parte di un proprietario minacciando di espellerlo perché due dei suoi vicini si sono lamentati del fatto che non riciclava i suoi rifiuti.

Custode: negli edifici con molti appartamenti, c’è di solito un Hausmeister (custode) Hausverwaltung (sindacato). Quest’ultimi sono responsabili del buon funzionamento dello stabile, delle riparazioni e di altri servizi.

Se non c’è il custode, i residenti sono costretti a spalare la neve davanti allo stabile. Ciò è comunque stabilito nel contratto. Se i residenti sono responsabili nel mantenimento sono anche responsabili di eventuali incidenti che possono avvenire se ciò non è fatto adeguatamente. Inoltre, in certe regioni, i residenti devono pulire i marciapiedi una volta a settimana.

L’autorizzazione di avere animali domestici dovrà essere discussa con il proprietario e dovrà essere inclusa nel contratto. Nel caso tu fossi già inquilino dell’appartamento, dovrai consultare il contratto o il proprietario per sapere se sei autorizzato ad avere animali domestici nel tuo domicilio. Nelle categorie animali domestici sono inclusi: cani, gatti, uccelli, criceti ecc.

Periodi di disdetta

In caso di disdetta, esistono dei periodi di tempo validi per un accordo. Questo periodo vale se tu o il tuo proprietario desiderate terminare l’accordo d’affitto. Tuttavia, il proprietario non può terminare il contratto senza una ragione valida.

Il periodo di notifica legale per un contratto senza termine è di 3 mesi. Più a lungo rimani, più lungo diventa il periodo di notifica. Nel caso ci siano condizioni diverse, quest’ultime devono essere presenti nel contratto o scritte a parte. In certi casi, i proprietari ti faranno firmare un contratto che sarà solamente per un certo numero di anni.

Abbiamo avuto dei casi di proprietari che hanno fatto firmare un contratto di 5 anni e che hanno poi obbligato l’inquilino a rimanere per tutto il tempo dell’accordo. Consigliamo di non firmare contratti simili. Se ricevi un’offerta del genere, dovresti contattare immediatamente l’associazione inquilini, situazioni come questa non sono permesse e sono illegali.

Rinnovamenti

Nel contratto dovrebbe essere scritto chi è incaricato di rinnovare l’appartamento e quando. Il rinnovamento comporterebbe rimpiazzare i tappeti e pitturare le pareti. Molti proprietari non vogliono rinnovare l’appartamento prima che qualcuno lo occupi cosi che sarà poi l’inquilino a doverlo fare. In questo caso ci sono due opzioni:

· Sarai tu a farlo appena entri. In questo caso, l’appartamento ti è stato dato senza aver fatto nulla (unrenoviert). Con ciò, alla tua partenza non sarai costretto a rinnovare, ma sarà una tua scelta di farlo oppure no appena entri.

· Rinnovi quando parti. In questo caso l’appartamento deve essere lasciato in perfetto stato, con le pareti pitturate ecc. cosi non lo dovrai fare appena arrivi. Se cosi fosse, nel contratto ci sarà la condizione posta (o perderai il tuo deposito).

Siccome è più bello e comodo vivere in un appartamento rinnovato, molta gente preferisce farlo prima di entrare che dopo. In più potrete decorarlo secondo i vostri gusti.
Stato delle cose e responsabilità

Prima di trasferirti prendi un appuntamento con il proprietario per fare il sopralluogo. Assicurati di notificare il tutto anche i minimi dettagli affinchè non dovrai pagare nulla quando te ne andrai. Ciò viene poi firmato sia da te che dal proprietario e lo dovrai conservare.

Prima di lasciare l’appartamento dovrai fare lo stesso tipo di appuntamento per verificare lo stato del luogo. Se l’alloggio è in condizioni peggiori di come l’hai trovato, il proprietario ha il diritto di tenere parte o addirittura tutto il deposito. È consigliato farsi accompagnare da qualcuno con buone conoscenze della lingua e che conosca le procedure.

Le chiavi di casa

Una della cose più importanti del contratto è il numero di chiavi che ti è stato dato. Verifica il numero di chiavi che ti è stato dato e assicurati che sia conforme a ciò che è stato scritto nel contratto. Nel caso di smarrimento delle chiavi dovrai far cambiare la serratura e nel caso di smarrimento delle chiavi delle parti comuni, dovrai probabilmente pagare le chiavi nuove a tutti i residenti! Nota bene che le chiavi non potranno essere copiate nei negozi siccome sono numerate e dovrai sicuramente chiedere l’autorizzazione al proprietario prima di fare ciò.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Di seguito una panoramica dei diversi tipi di pensione previsti dalla “Deutsche Rentenversicherung, dei requisiti che ne sono alla base e degli effetti d’un eventuale reddito aggiuntivo sulla pensione >>> continua

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


L’inizio, qualsiasi modifica e la cessazione di ogni attività commerciale devono essere denunciati all’Ufficio licenze locale competente. Tale disposizione vige per ogni impresa, indipendentemente dal suo stato giuridico.Per la denuncia è necessario portare con sé la carta d’identità, un visto valido e un permesso di soggiorno per lavoro autonomo valido per la Germania.L’impresa già iscritta nel Registro delle Imprese dovrà dimostrarlo mediante un estratto attuale del Registro delle Imprese >>> continua

 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Per quanto riguarda il processo di candidatura, in Germania può essere richiesto più di un solo curriculum e di una lettera di accompagnamento (Cover Letter, Kurzbewerbugn).
In molti casi hai bisogno anche dei seguenti documenti:
• Copie di diplomi universitari o vari certificati simili (se possibile già tradotti)
• Prova di pratica professionale o eventuali corsi
• Referenze da precedenti datori di lavoro
• Foto passaporto in testa al curriculum a destra
Questo genere di iscrizione di chiama Vollständige Bewerbung. Certe posizioni ti richiedono un Aussagefähige Bewerbung, che include anche informazioni specifiche, come patente, pubblicazioni etc.
Dovresti sempre avere il tuo curriculum e lettera in tedesco. Fatti aiutare da qualcuno a tradurre il tutto. Aspetta una settimana o due dopo aver spedito il tutto e poi chiama per confermare l’arrivo.

Il tuo curriculum – Lebenslauf

Per convenzione il tuo curriculum deve includere una fotografia (tipo passaporto). La foto dovrà poi essere incollata nell’angolo destro del curriculum vicino ai dettagli personali.
Un curriculum tedesco è in genere più lungo di quello di altri paesi, però non più di due pagine. Ci sono delle caratteristiche da tenere a mente:
Ordine: tradizionalmente un curriculum veniva scritto in un ordine cronologico. Tuttavia, questo sistema è cambiato e ora dovresti organizzarlo in una forma a tabella con diverse sezioni: esperienza lavorativa, educazione e lingue. Le informazioni dovrebbero essere introdotte partendo dalla più recente. Per le date dovresti includere il mese.
Titolo: metti Lebenslauf (Curriculum vitae) come titolo
Dettagli personali (Persönliche Daten): questa è la prima parte del curriculum e dovrebbe contenere il tuo nome, indirizzo, numeri di telefono e indirizzo e-mail, la tua data di nascita, stato civile ed eventualmente numero di figli. Devi includere la tua età o il tuo curriculum sarà considerato incompleto.
Esperienza professionale (Berufserfahrung): nome della compagnia, settore, luogo e incarico. Specifica cosa hai imparato da quella esperienza, è un fattore importante per il tuo futuro datore di lavoro.
Formazione (Ausbildung): inizia dalla formazione universitaria (Studium). Dovresti includere tutti i titoli, il nome dell’università, i voti finali e l’esperienza di studio all’estero. Poi continua con la formazione secondaria (Schulausbildung). Dovresti informarti per vedere qual è l’equivalente in Germania poiché è probabile che non corrisponda allo stesso tipo di diploma.
Lingue (Sprachkenntnisse): fai una lista delle lingue e il livello per ognuna di loro: fluido (fließend), alto (gut), medio (durchschnittlich) o basso (Basiskenntnisse). Se vuoi, puoi anche specificare il livello scritto (schriftlich) o orale (mündlich-verbal). Non esagerare nel livello perché è possibile che ti facciano un test durante il colloquio e se il tuo livello non corrisponde, molto probabilmente non avrai il lavoro.
Altri (come informazioni complementari):
• Capacità informatiche: programmi ecc. non metter solo ‘buone capacità informatiche’, non è abbastanza specifico.
• Pubblicazioni ed altri articoli professionali
• Passatempi: molti datori di lavoro apprezzano passatempi ‘attivi’ come sport e musica o ingaggi sociali. Guardare la televisione o uscire con gli amici non è considerato un hobby e nessuno avrà una buona impressione sul tuo conto.
Data e firma : in Germania, si usa molto mettere data e firma alla fine di ogni pagina.

La lettera di accompagnamento:

La lettera dovrebbe includere i tuoi interessi specifici e perché dovresti essere scelto. La lettera deve essere coincisa e diritta al punto, molte compagnie ricevono tante lettere per questo uno stile sintetico è molto apprezzato. È molto frequente iniziare la lettera in questo modo: “ Hiermit bewerbe ich mich als…” (“Nella presente mi candido come..”). Includi il perché saresti idoneo per quel lavoro.
Per una buona prima impressione:
Oltre al curriculum e lettera, molti tedeschi includono copie di qualificazioni e certificati per ogni sezione del curriculum. Siccome molte volte includendo tutto ciò si arriva a 20/30 pagine, è consigliato contenere il tutto in una Bewerbungsmappe (cartelletta) cosicché tutti possono trovare facilmente i tuoi documenti e per dare una buona impressione.
Aiuto professionale per il tuo curriculum e lettera
A meno che il tuo livello di tedesco non sia perfetto, ti consigliamo di ricorrere all’aiuto professionale. Per esempio a www.bewerbungsbuero.com o www.profibewerbung.de .
Un’opzione meno cara è quella di guardare esempi ( PDF e Word) e utilizzare lo stesso tipo di design. Puoi guardare www.bewerbungsbeispiele.com .

Il colloquio

Il passo successivo dovrebbe essere il colloquio. Non arrivare in ritardo, i tedeschi sono puntuali e non sarebbe un buon inizio. Per l’abbigliamento è consigliata giacca e cravatta per gli uomini e completo con pantaloni o gonna per le donne. Fai delle ricerche sulla compagnia prima dell’intervista e sii preparato a discutere le tue abilità. I colloqui sono tipicamente formali e diretti. Ci sarà una presentazione, stretta di mano e scambio di biglietti da visita. Ci possono essere alcuni minuti di normale conversazione prima di passare al colloquio vero e proprio. Rispondi alle domande apertamente, onestamente e con cortesia. Non interrompere. Metti enfasi sulle tue qualità e contributo alla compagnia. Non esitare a fare domande. Potrebbero farti alcune domande personali. Legalmente possono solo farti domande relative al posto di lavoro richiesto.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


GLOSSARIO delle espressioni e abbreviazioni riguardanti il mercato immobiliare in Germania

3 Zi.-Whg = appartamento tre locali
3 ZKDB = tre locali con cucina, entrata e bagno
Abstand = acquisto di mobili che sono nell’appartamento
DG (Dachgeschoss) = attico
EBK (Einbauküche) = cucina ammobiliata e equipaggiata
EG (Erdgeschoss) = pian terreno
HH (Hinterhaus) = parte posteriore della casa ( forse non è molto illuminata)
K (Kaution) = deposito di garanzia
Kalt = riscaldamento supplementare
NR (Nichtraucher) = Non fumatori
KM (Kaltmiete) = affitto senza supplementi
KN = piccola cucina nel salotto
Nachmieter = inquilino subentrante
NMM (Nettomonatsmiete) = affitto mensile (riscaldamento, elettricità, gas, acqua, rifiuti)
MVZ = affitto pagabile in anticipo
Prov. (Provision) = commissione
qm (Quadratmeter) = metri quadrati (grandezza dell’appartamento)
TG (Tiefgarage) = garage coperto
VH (Vorderhaus) = facciata
WG (Wohngemeinscahft) = collocazione
WBS erford. (Wohnberechtigungsschein) = alloggio sociale solamente per persone con l’attestato ufficiale (WBS)
Wfl. (Wohnfläche) = spazio vitale
WM (Warmmiete) = affitto finale (con costi aggiuntivi)
Zi (Zimmer) = camera, locale
ZH (Zentralheizung) = riscaldamento centrale
zzgl. NK = costi aggiuntivi

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


CHI PUÒ OTTENERE LA CITTADINANZA TEDESCA ?

Dalle “Note dell’Ambasciata sulla doppia cittadinanza, possibile per gli italiani in Germania dal 22.12.2002″, redatte dall’Ambasciata il 04.11.02 e integrate dai Comites :

La naturalizzazione (Einbürgerung) di cittadino straniero – cioè l’acquisizione della cittadinanza tedesca – è regolata dal §85 dell’Ausländergesetz ed è permessa se vengono soddisfatte le seguenti condizioni:

  1. otto anni di regolare residenza in Germania (ridotti a tre anni, nel caso di cittadini stranieri sposati con coniugi tedeschi);
  2. possesso di regolare permesso di residenza o di soggiorno (Aufenthaltserlaubnis o Aufenthaltsberechtigung);
  3. avere conoscenza della Costituzione tedesca (alla quale deve giurare fedeltà) e non svolgere attività contrarie ai principi costituzionali;
  4. poter assicurare il mantenimento proprio e dei familiari a carico e non essere, tranne che per motivi non ascrivibili a proprie responsabilità, percettori di sussidi sociali (Sozialhilfe) o alla disoccupazione (Arbeitsloshilfe);
  5. non aver riportato condanne penali;
  6. conoscenza sufficiente della lingua tedesca.

Leggi interamente le Note dell’ambasciata e dei Comites >>> apri

Documentazione: Broschüre Wege zur Einbürgerung >>> apri – La preparazione online al test sulla doppia cittadinanza >>> apri
In questa sezione stiamo raccogliendo informazioni utili sul tema della doppia cittadinanza. Ringraziando in anticipo, invitiamo quanti intendono inviarci delle segnalazioni ad ultilizzare lo spazio commenti riportato in calce a questo post
Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Con l’entrata in vigore della legge per gli immigrati in Germania nel 2005, è stato stabilito che gli stranieri che si trasferiscono permanentemente in Germania hanno il diritto e il dovere di frequentare un corso di lingua e di orientamento.Il corso di integrazione comprende in tutto 645 ore di lezione e dura senza interruzione per circa sette mesi. Le prime 600 ore di lezione si basano sulla lingua e sono divise in sei moduli da 100 ore, che allargheranno le competenze linguistiche dei partecipanti fino al raggiungimento del livello B 1. Gli studenti che già posseggono un’infarinatura della lingua possono, dopo aver fatto un test di livello, passare automaticamente ad un livello superiore. Le rimanenti 45 ore, invece, saranno dedicate al cosiddetto corso di integrazione, in cui saranno trattati i temi più svariati come storia, politica della repubblica federale. Il corso di orientamento è connesso al corso di integrazione, al termine del quale saranno sostenuti gli esami di lingua ufficialmente riconosciuti. Dopo aver frequentato con successo e in maniera costante, ogni partecipante riceverà il “certificato del corso di integrazione”.
Gli stranieri che vivono in Germania possono fare domanda di ammissione al corso. Se si viene ammessi, sarà necessario contribuire ai costi pagando un euro per ogni ora di lezione, mentre il resto è finanziato dall’ufficio federale dell’immigrazione (BaMF). Nel caso in cui il richiedente sia disoccupato, i costi del corso saranno interamente finanziati dallo Stato.

LINK UTILI

Amt für Integration und Flüchtlinge

Francoforte sul Meno: mappa delle strutture di consulenza

Altre informazioni

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Documentazione informativa a cura dell’Ambasciata d’Italia a Berlino: INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

Link utili:

Riconoscimento in Germania

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Documentazione informativa a cura dell’Ambasciata d’Italia a Berlino: INGRANDISCI LA PAGINA >>> APRI

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


I nuovi arrivati hanno diritto al sussidio sociale “Hartz IV” ?

Un cittadino italiano che arriva in Germania può avere diritto, a determinate condizioni, al sussidio sociale (Hartz IV) dopo tre mesi di residenza. Tale diritto, per semepio, spetta non a chi arriva in cerca di lavoro ma a coloro che si recano in Germania per raggiungere il proprio partner gia residente in questo Paese .

LINK UTILI

Articolo: giovani italiani in emigrazione  >>> leggi

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Dal 1° gennaio 2015, sarà considerata direttamente adibita ad abitazione principale, una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, iscritti all’Aire e già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso. Di conseguenza anche le imposte comunali Tari e Tasi saranno applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


I cittadini della Comunità Europea godono all’interno dell’Unione Europea di libertà di circolazione e quindi chi desidera vivere in Germania non necessita più di un permesso di soggiorno tedesco.
Per trasferire la propria residenza basta registrarsi all’anagrafe del comune d’arrivo, recandosi al più vicino Bürgeramt, nelle grandi città di regola presente in ogni quartiere, oppure all’ Einwohnermeldeamt, l’ufficio Anagrafe del Comune. Dopo la regitrazione, che deve avvenire dopo 15 giorni dall’arrivo in Germania (pena possibili sanzioni) si ottiene la „Anmeldung“, cioè il certificaro di residenza.
Per l’iscrizione basta un documento personale (es: la Carta d’Identità) e di un regolare e di contratto d’affitto. Se si è ospiti di qualcuno, in alternativa può anche presentare una dichiarazione della persona che vi sta ospitando, la Einzugsbestätigung.
Con la registrazione si ottiene automaticamente il Codice Fiscale tedesco (Steueridentifikationsnummer), che vene consegnato in seguito per posta.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink



Firmen gründen

Das Unternehmen anmelden

Zunächst müssen Sie wissen, ob Sie eine freiberufliche oder gewerbliche Tätigkeit ausüben werden. Im Zweifelsfall entscheidet Ihr zuständiges Finanzamt darüber. Zu den Freien Berufen zählen zum Beispiel Ärzte, Architekten, Journalisten, Rechtsanwälte, Künstler. Zum Gewerbe gehören der Einzelhandel, das Handwerk, das produzierende Gewerbe und einige Dienstleistungen.

Als zukünftiger Freiberufler brauchen Sie nur eine Steuernummer beim Finanzamt zu beantragen und den Fragebogen zur steuerlichen Erfassung auszufüllen.

Als Gewerbetreibender müssen Sie Ihr Vorhaben beim Gewerbeamt anmelden. Das Gewerbeamt informiert dann alle weiteren Behörden und Institutionen, wie bspw.

Viele Gewerbetreibende zählen zu den Kaufleuten. Sie müssen Ihr Unternehmen durch einen Notar im Handelsregister eintragen lassen.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Steuern

Wenn Sie die wichtigsten Steuern kennen, sind Sie auf Ihren Unternehmensstart gut vorbereitet.

Warum es sinnvoll ist, sich bereits vor dem Start in die Selbständigkeit mit dem Thema Steuern zu beschäftigen, hat vor allem drei Gründe:

  • Wenn Sie sich für die Kleinunternehmerregelung entscheiden, führen Sie keine Umsatzsteuer an das Finanzamt ab. Je nach Unternehmen und Kundenkreis kann dies sinnvoll sein – oder auch nicht. Am besten sprechen Sie mit Ihrem Steuerberater darüber.
  • Das Thema Steuern spielt vor der Gründung auch deswegen eine Rolle, weil Sie womöglich vorab schon eine Büroeinrichtung, Waren oder Betriebsmittel kaufen. Dafür können Sie als Unternehmer Vorsteuer geltend machen. Sie ist auf allen Rechnungen, die Sie bezahlen, als Umsatzsteuer ausgewiesen. Heben Sie diese Belege daher gut auf.
  • Und nicht zuletzt müssen Sie auch bei der Wahl der Rechtsform steuerliche Fragen klären.

Bei der Berechnung Ihres Einkommensteuersatzes geht das Finanzamt im ersten Jahr Ihrer Selbständigkeit von den Angaben aus, die Sie im Rahmen der steuerlichen Erfassung über Ihren erwarteten Gewinn gemacht haben. Das Finanzamt legt jährlich eine bestimmte Summe fest, die Sie als Vorauszahlung vierteljährlich überweisen müssen.

Pflichten gegenüber dem Finanzamt

Als Unternehmerin oder Unternehmer werden Sie immer wieder Kontakt mit dem Finanzamt haben. Nach der Bearbeitung Ihres „Fragebogens zur steuerlichen Erfassung“ teilt Ihnen das Finanzamt zunächst Ihre Steuernummer mit. Das Finanzamt sagt Ihnen auch, in welchem Turnus Sie Ihre Umsatzsteuervoranmeldung abgeben müssen und wie hoch Ihre Steuervorauszahlungen sind.

Vorauszahlen müssen Sie als Gewerbetreibender (aber nicht als Freiberufler) auch die Gewerbesteuer. Und wenn Sie eine Kapitalgesellschaft gründen, wie zum Beispiel eine GmbH oder UG, müssen Sie außerdem Körperschaftsteuer abführen.

Weitere Informationen zu Steuerfristen und Vorauszahlungen finden Sie in der Über­sicht: Steu­ern – Wer zahlt wann? (PDF, 30 KB)

Beratung

Vermeiden Sie typische Steuerfehler Über­sicht: Steu­er­feh­ler (PDF, 44 KB) und informieren Sie sich vor der Eröffnung Ihres Unternehmens bei einem Steuerberater. Er hilft Ihnen, Fehler zu vermeiden und erleichtert Ihnen die Arbeit.

Übrigens: Auch das Finanzamt hilft bei der Klärung steuerlicher Fragen. Es kann allerdings keine tiefgehende individuelle Beratung vergleichbar zu einem Steuerberater leisten. Für die Erteilung einer verbindlichen Auskunft muss außerdem eine Bearbeitungsgebühr entrichtet werden.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


1-%-Regelung – Berechnung bei umsatzsteuerpflichtigem Unternehmer.

Wer kein Fahrtenbuch führt, muss die private Nutzung bei der Einkommensteuer zwingend nach der 1-%-Regelung ermitteln. Und wie bucht man diese Variante? weiter >>>

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
0 people found this helpful. Permalink


Bevor Sie mit Ihrem Unternehmen bzw. Ihrer beruflichen Selbständigkeit starten, müssen Sie einige Formalitäten erledigen:

Das Unternehmen anmelden

Zunächst müssen Sie wissen, ob Sie eine freiberufliche oder gewerbliche Tätigkeit ausüben werden. Im Zweifelsfall entscheidet Ihr zuständiges Finanzamt darüber. Zu den Freien Berufen zählen zum Beispiel Ärzte, Architekten, Journalisten, Rechtsanwälte, Künstler. Zum Gewerbe gehören der Einzelhandel, das Handwerk, das produzierende Gewerbe und einige Dienstleistungen.

Als zukünftiger Freiberufler brauchen Sie nur eine Steuernummer beim Finanzamt zu beantragen und den Fragebogen zur steuerlichen Erfassung auszufüllen.

Als Gewerbetreibender müssen Sie Ihr Vorhaben beim Gewerbeamt anmelden. Das Gewerbeamt informiert dann alle weiteren Behörden und Institutionen, wie bspw.

Viele Gewerbetreibende zählen zu den Kaufleuten. Sie müssen Ihr Unternehmen durch einen Notar im Handelsregister eintragen lassen.

Genehmigungen und Erlaubnisse einholen

Für eine ganze Reihe von selbständigen Tätigkeiten brauchen Sie eine amtliche Erlaubnis und/oder eine Genehmigung. Im Einzelhandel sind bspw. für bestimmte Bereiche Sachkundenachweise erforderlich. Die Beförderung von Personen ist genehmigungspflichtig. Und Produktionsbetriebe müssen beispielsweise Genehmigungen für ihre Anlagen einholen. Für Gründungen in der Gastronomie muss beispielsweise eine Belehrung des Gesundheitsamtes stattgefunden haben. Erkundigen Sie sich frühzeitig bei Ihrer Industrie- und Handelskammer oder Handwerkskammer, ob und welche Genehmigungen und Erlaubnisse Sie für Ihr Vorhaben benötigen.

Mitarbeiter anmelden

Wenn Sie Mitarbeiter beschäftigen werden, benötigen Sie eine Betriebsnummer von der Agentur für Arbeit. Außerdem müssen Sie Ihre Mitarbeiterinnen und Mitarbeiter bei der gesetzlichen Renten-, Kranken-, Pflege- und Arbeitslosenversicherung anmelden. Lesen sie mehr dazu, wo und wie Sie Ihre Mitarbeiter anmelden.

Persönliche Absicherung nicht vergessen

Informieren Sie bereits vor der Gründung Ihre Krankenkasse. Wer im Bereich Kunst und Medien „unterwegs“ ist, sollte sich mit der Künstlersozialkasse in Verbindung setzen. Prüfen Sie auch, ob Sie zu den rentenversicherungspflichtigen Selbständigen gehören. Kurz: Informieren Sie sich bereits während der Gründungsvorbereitungen um Ihre Versicherungen und Vorsorge.

Gesetze und Verordnungen beachten

Es gibt eine ganze Reihe von Gesetzen und Verordnungen, die für Ihre unternehmerische Praxis wichtig sein können. Erkundigen Sie sich bereits während Ihrer Gründungsvorbereitung darüber, welche Gesetze und Verordnungen für Ihr Vorhaben relevant sind.

Print Friendly, PDF & Email

Please log in to rate this.
1 person found this helpful. Permalink


Print Friendly, PDF & Email
Translate »