Category: Impresa e Cultura – Articoli in lingua italiana

Castelli in Germania: Hohenzollern

Castello di Hohenzollern

Paragonabile al castello di Neuschwanstein, considerato il Castello delle Fiabe per eccellenza, si trova non distante da Stoccarda, nel Land del Baden-Württemberg. Posto ad un’altezza di quasi 900 metri sul massiccio del Giura Svevo, con le sue torri e merli il Catello di Hohenzollern svetta maestoso sul territorio circostante.

Storia in breve

Nel 1819 fu l’allora principe ed erede al trono prussiano Friedrich Wilhelm IV a dedicere di dare nuova vita alla fortezza, ricostruendo le rovine lasciate dai suoi antenati. Prendendo spunto dall’architettura di epoca Medievale, specie il neogotico inglese e francese, il castello fu ricostruito nell’arco di quindici anni (dal 1852 al 1867). 

Da vedere

Nella Camera del Tesoro sono esposti i tesori dell’epoca, tra cui la corona dell’imperatore Wilhelm II. Le pareti della sala d’ingresso sono inoltre abbellite da un incantevole dipinto dell’albero genealogico della famiglia Hohenzollern, attraverso cui si possono ammirare i re prussiani, gli imperatori tedeschi e tutti i loro discendenti fino ai giorni nostri. All’interno delle sue 140 stanze, tutte visitabili, il castello ospita la splendida biblioteca affrescata, il salone blu, la camera da letto reale e la stanza della regina, con il suo soffitto dorato a cassettoni e pavimenti intarsiati.

Castelli in Germania

Paragonabile al castello di Neuschwanstein, considerato il Castello delle Fiabe per eccellenza, si trova non distante da Stoccarda, nel Land del Baden-Württemberg. Posto ad un’altezza di quasi 900 metri sul massiccio del Giura Svevo, con le sue torri e merli il Catello di Hohenzollern svetta maestoso sul territorio circostante. Storia in breve Nel 1819 fu l’allora principe ed erede al trono prussiano Friedrich Wilhelm IV a dedicere di dare nuova vita alla fortezza, ricostruendo le rovine lasciate dai suoi antenati. Prendendo spunto dall’architettura di epoca Medievale, specie il neogotico inglese e francese, il castello fu ricostruito nell’arco di quindici anni (dal 1852 al 1867). Da vedere Nella Camera del Tesoro sono esposti i tesori dell’epoca, tra cui la corona dell’imperatore Wilhelm II. Le pareti della sala d’ingresso sono inoltre abbellite da un incantevole dipinto dell’albero genealogico della famiglia Hohenzollern, attraverso cui si possono ammirare i re prussiani, gli imperatori tedeschi e tutti i loro discendenti fino ai giorni nostri. All’interno delle sue 140 stanze, tutte visitabili, il castello ospita la splendida biblioteca affrescata, il salone blu, la camera da letto reale e la stanza della regina, con il suo soffitto dorato a cassettoni e pavimenti intarsiati.

 

 

 

 

Traditionen: der sizilianische Karren

Ein Feuerwerk der Farben. An den Seiten, an den Rädern, am Wagenkasten, in jedem einzelnen seiner Bestandteile spiegeln sich die Farben der wunderbaren sizilianischen Sonne, der feuerroten Wassermelonen, des Schwefels, der Orangen und Zitronen, des Himmels und des Meeres, der Lava des Ätna und der Kaktusfeigen.In seiner Gesamtheit ist er Ausdruck sämtlicher mediterraner Kulturen, die je auf der Insel Fuß gefasst haben, sozusagen deren Synthese: die arabischen Farben, die türkisch-byzantinischen Arabesken, die griechischen Kostüme, die Glöckchen, die spanischen Fransen. Betrachtet man ihn aus der Nähe scheint es als sähe und höre man ganz Sizilien mit seinen rauen Panoramen, seinen geheimnisvollen Düften, seinen Weiten.

Text von Salvatore Faraci

Translate »